ERBE: Aristolochiaceae
Aristolochia navicularis E. Nardi
Sinonimi: Aristolochia pallida auct. non Willd.

Divisione: Angiospermae

Famiglia: Aristolochiaceae

Nomi italiani: Aristolochia

Nomi sardi: Croccoriga burda, Para e mòngia, Sindriedda burda

Periodo di fioritura: II-VI

Habitat: depressioni e luoghi umidi, lungo i corsi d’acqua


Descrizione: pianta erbacea perenne provvista di cauloriza sotterranea da cilindrica a fusiforme; fusti eretti o decombenti, a sezione quadrangolare, glabri o finemente pubescenti; foglie brevemente picciolate a lamina cordato-deltoide, lunga fino a 6 cm, con apice ottuso o talvolta retuso e seno basale ampio; fiori tubulosi giallo pallido lunghi 2-4,5 cm, solitari all’ascella delle foglie sorretti da un peduncolo lungo 2-10 mm, tubo espanso apicalmente in un lembo lanceolato o rombico, concolore o bruno scuro di sopra, e rigonfio alla base in corrispondenza dell’ovario; frutto capsula oblunga.

Vegetano in Sardegna anche Aristolochia tyrrhena E. Nardi & Arrigoni (endemita sardo-corso) e Aristolochia rotunda subsp. insularis (E. Nardi & Arrigoni) Gamisans, quest’ultima presente anche in Corsica, Grecia, Isole Ionie ed Egee.




Aristolochia navicularis, Croccoriga burda, Para e mongia, Sindriedda burda










Aristolochia navicularis, Croccoriga burda, Para e mongia, Sindriedda burda

sopra ed a lato: Aristolochia navicularis



sotto: il frutto

Aristolochia navicularis, Croccoriga burda, Para e mongia, Sindriedda burda


INDIETRO