ERBE: Dioscoreaceae
Tamus communis L.
Divisione: Angiospermae

Famiglia: Dioscoreaceae

Nomi italiani: Cerasiola, Tàmaro, Uva tamina, Vite nera, Viticella

Nomi sardi: Àxina de margiani, Aspàragi de cannitu, Ligadolza
 
Periodo di fioritura: IV-V

Habitat: boschi, macchie, siepi


Descrizione: pianta rizomatosa perenne provvista di fusti erbacei volubili e glabri; foglie lungamente picciolate, cuoriformi, con apice assottigliato ed acuto, lunghe fino a 10 cm; fiori piccoli, giallo-verdastri, i maschili in racemi allungati, solitari o in fascetti di 2-3, quelli femminili in brevi racemi 3-5flori; il frutto è una bacca ovoide o subsferica di circa 1 cm di diametro inizialmente verde, poi rossa e lucida a maturità con all’interno pochi semi sferici rosso-mattone.

Attenzione: nonostante le giovani cime vengano considerate eduli e consumate come i turioni dell’asparago, è opportuno sottolineare che la radice, le foglie e soprattutto le bacche contengono diverse sostanze tossiche; per questa ragione il Tamaro, sovente coltivato per ornamento, è annoverato tra le piante velenose.



sotto: giovani germogli

Tamus communis, Cerasiola, Tamaro, Uva tamina, Vite nera, Viticella, Axina de margiani, Asparagi de cannitu, Ligadolza



a lato: i frutti





Tamus communis, Cerasiola, Tamaro, Uva tamina, Vite nera, Viticella, Axina de margiani, Asparagi de cannitu, Ligadolza

Tamus communis






Tamus communis, Cerasiola, Tamaro, Uva tamina, Vite nera, Viticella, Axina de margiani, Asparagi de cannitu, Ligadolza


INDIETRO