ERBE: Adoxaceae
Sambucus ebulus L.
Divisione: Angiospermae

Famiglia: Adoxaceae

Nomi italiani: Ebbio, Sambuchella, Sambuco lebbio

Nomi sardi: Sabuccu berbechinu, Sambucu fèmina, Sambucu pudèsciu, Samucu burdu, Sauccu, Saucheddu, Sauccu burdu   
                         
Periodo di fioritura: V-VII

Habitat: campi incolti, terreni freschi, bordi delle strade


Descrizione: pianta erbacea perenne alta 80-150 cm con odore sgradevole, provvista di rizoma strisciante stolonifero; fusti eretti e robusti semplici o poco ramificati, verdastri o talvolta rossastri, con coste chiare longitudinali e midollo bianco; foglie picciolate opposte, imparipennate, con 5-9 segmenti oblungo-lanceolati lunghi 10-15 cm e larghi 2-4 cm, seghettati al margine, di colore verde scuro di sopra, più chiari e pubescenti di sotto; stipole di circa 1 cm ovate o subrotonde acuminate all’apice; fiori numerosi disposti in ampio corimbo, corolla bianco-rosea ed antere violette; i frutti sono drupe globoso-piriformi di 4-6 mm di diametro, nero lucide a maturità.

Attenzione: le parti verdi della pianta sono velenose, l’ingestione dei frutti e dei semi può provocare cefalea, vomito, dolori addominali e diarrea.




sotto: i frutti

Sambucus ebulus, Ebbio, Sambuchella, Sambuco lebbio, Sabuccu femina, Sambucu pudesciu, Samucu burdu, Saucheddu




Sambucus ebulus, Ebbio, Sambuchella, Sambuco lebbio, Sabuccu femina, Sambucu pudesciu, Samucu burdu, Saucheddu

Sambucus ebulus




Sambucus ebulus, Ebbio, Sambuchella, Sambuco lebbio, Sabuccu femina, Sambucu pudesciu, Samucu burdu, Saucheddu

sopra: i suoi fiori

INDIETRO