ERBE: Fabaceae
Lotus tetragonolobus L.
Sinonimi: Tetragonolobus purpureus Moench

Divisione: Angiospermae

Famiglia: Fabaceae

Nomi italiani: Ginestrino purpureo, Pisello da caffè, Veccia pisella

Nomi sardi: Lèpuru sposu, Sitziria de carboni, Trevulleddu arrùbiu

Periodo di fioritura: IV-V

Habitat: campi coltivati, pascoli, bordi delle strade


Descrizione: pianta erbacea annuale con fusti prostrati e ascendenti provvisti di peli patenti; foglie ternate con segmenti obovato-romboidali e 2 stipole basali ovato-acuminate; peduncoli fruttiferi lunghi quanto le foglie; calice villoso con denti lunghi circa il doppio del tubo corollino; corolla purpurea sovente con ali viola-nerastre all’apice; il frutto è un legume glabro lungo 30-60 mm e largo 6-8 mm provvisto di 4 ali increspate larghe 2-4 mm.  

In Sardegna è specie esotica naturalizzata introdotta come foraggera; i suoi frutti sono commestibili, di sapore simile all’asparago. La pianta è detta dagli Inglesi pisello-asparago e dai Francesi pisello-caffè ed è talora coltivata per ornamento.



Lotus tetragonolobus, Ginestrino purpureo, Pisello da caffè, Veccia pisella, Lepuru sposu, Sitziria de carboni, Trevulleddu arrubiu








Lotus tetragonolobus, Ginestrino purpureo, Pisello da caffè, Veccia pisella, Lepuru sposu, Sitziria de carboni, Trevulleddu arrubiu

sopra ed a lato: Lotus tetragonolobus






sotto: il frutto

Lotus tetragonolobus, Ginestrino purpureo, Pisello da caffè, Veccia pisella, Lepuru sposu, Sitziria de carboni, Trevulleddu arrubiu

INDIETRO