ERBE: Cucurbitaceae
Ecballium elaterium (L.) A. Rich.  
Divisione: Angiospermae

Famiglia: Cucurbitaceae

Nomi italiani: Cocomero asinino, Elaterio, Schizzetto, Sputaveleno

Nomi sardi: Cucùmbiri aresti, Cucùmeri aresti, Cugùmere areste, Cugùmeru d’àinu, Meloneddu aresti

Periodo di fioritura: V-IX

Habitat: zone incolte, pascoli


Descrizione: pianta erbacea perenne, provvista di radice tuberosa, con fusti striscianti e ispidi; foglie lungamente picciolate, ispide, a lamina ovato-cordata o triangolare, margine denticolato e ondulato; fiori unisessuali, quelli maschili giallastri in racemi ascellari, quelli femminili verdognoli e solitari; il frutto, sorretto da un peduncolo ripiegato ad uncino, è ovoide, ispido e di colore verde; a maturità proietta i semi con del liquido amaro a oltre 1 m di distanza.

Attenzione: il frutto e le radici di questa specie contengono alcuni princípi tossici; il liquido contenuto nel frutto è vescicante per la pelle e se ingerito provoca irritazioni all’intestino, ai reni e ai condotti urinari.



Ecballium elaterium, Cocomero asinino, Schizzetto, Sputaveleno, Cucumbiri aresti, Cucumeri aresti, Cugumere areste, Cugumeru d’ainu, Meloneddu aresti









Ecballium elaterium, Cocomero asinino, Schizzetto, Sputaveleno, Cucumbiri aresti, Cucumeri aresti, Cugumere areste, Cugumeru d’ainu, Meloneddu aresti

sopra ed a lato:Ecballium elaterium
INDIETRO