ERBE: Asteraceae
Crepis vesicaria L.
Sinonimi: Crepis scariosa Willd.; Barkhausia purpurea Biv.; Crepis purpurea Steudel

Divisione: Angiospermae

Famiglia: Asteraceae

Nomi italiani: Cicoria falsa, Radicchiella vescicosa

Nomi sardi: Cicòria, Cicòria durci, Gicòria, Lattosa, Mammalucca

Periodo di fioritura: V-VII

Habitat: incolti, vigne, bordi delle strade


Descrizione: pianta erbacea annuale, bienne o raramente perenne con fusto eretto e ramoso più o meno lignificato alla base, glabrescente o provvisto di peli ispidi; foglie basali in rosetta, lobate o pennatosette, quelle cauline ridotte; capolini numerosi di circa 2 cm di diametro, corolla gialla, talora con l’esterno delle ligule arrossate; frutto achenio costolato.

Pianta erbacea molto diffusa in Sardegna dove è impropriamente chiamata Cicoria. Le giovani foglie basali disposte in rosetta sono raccolte e consumate crude in insalata, lessate o cotte a vapore e condite con olio e limone o saltate in padella con olio, aglio e peperoncino.




Crepis vesicaria, Cicoria falsa, Radichiella vescicosa, Cicoria durci, Gicoria, Lattosa, Mammalucca
Crepis vesicaria, Cicoria falsa, Radichiella vescicosa, Cicoria durci, Gicoria, Lattosa, Mammalucca

Crepis vesicaria 










a lato: la rosetta basale

INDIETRO