ERBE: Asparagaceae
Charybdis pancration (Steinh.) Speta
Sinonimi: Scilla maritima L.; Drimia maritima (L.) Stearn.; Urginea maritima (L.) Baker

Divisione: Angiospermae

Famiglia: Asparagaceae

Nomi italiani: Cipolla marina, Scilla, Squilla

Nomi sardi: Abridda, Ambridda, Aspridda, Cibudda de mari, Squidda

Periodo di fioritura: IX-X

Habitat: zone litoranee, incolti, pascoli, garighe


Descrizione: pianta perenne provvista di un bulbo piriforme di 10-15 cm di diametro (talvolta fino a 30 cm) generalmente con la parte superiore emergente dal suolo; foglie coriacee, lanceolate, di norma lunghe 30-50 cm e larghe fino a 15 cm, spesso con margini ondulati; racemo autunnale lineare alto fino a 150 cm con numerosi fiori bianchi; frutto capsula ovoide.

Attenzione: pianta velenosa per la presenza di princípi attivi tossici, tuttavia dai bulbi (ancora usati come topicidi) vengono estratte sostanze ad azione cardiotonica e diuretica usate in medicina.




Charybdis pancration, Cipolla marina, Scilla, Squilla, Ambridda, Cibudda de mari, Squidda
Charybdis pancration, Cipolla marina, Scilla, Squilla, Ambridda, Cibudda de mari, Squidda

Charybdis pancration









a lato: le sue foglie ondulate

INDIETRO