ERBE: Asteraceae
Calendula arvensis (Vaill.) L.
Divisione: Angiospermae

Famiglia: Asteraceae

Nomi italiani: Calendula, Fiorrancio selvatico

Nomi sardi: Concuda, Erba de froris, Erba de is ogus maus, Frori de dogna mesi, Sicia mòssia

Periodo di fioritura: XI-V

Habitat: incolti, vigne, oliveti, campi, bordi delle strade


Descrizione: pianta erbacea annuale, alta fino a 50 cm, più o meno appiccicosa e pubescente con fusti ramosi eretto-ascendenti o prostrato-diffusi; foglie inferiori lanceolato-spatolate lunghe 3-8 cm irregolarmente denticolate, le cauline progressivamente ridotte; calatidi apicali del diametro di 2-3 cm, numerose e solitarie, con brattee involucrali lineari ed acuminate disposte in 2 serie; fiori tubulosi gialli o aranciati, ligule concolori; i frutti sono acheni di 3 tipi: gli esterni arcuati e rostrati lunghi circa 15 mm, i mediani a forma di barchetta (cimbiformi) e gli interni anulari.

Specie comunissima dai vistosi fiori giallo vivo o giallo arancio; fiorisce di regola tra novembre e maggio ma può essere reperita in fiore tutto l’anno.



Calendula arvensis, Fiorrancio selvatico, Concuda, Erba de froris









Calendula arvensis, Fiorrancio selvatico, Concuda, Erba de froris

sopra ed a lato: Calendula arvensis





sotto: i frutti

Calendula arvensis, Fiorrancio selvatico, Concuda, Erba de froris

INDIETRO