ERBE: Pteridaceae
Adiantum capillus-veneris L.
Divisione: Pteridophyta

Famiglia: Pteridaceae

Nomi italiani: Capelvenere comune

Nomi sardi: Erba chi no infundet, Filettu di Venere, Filigheddu, Frazia, Pampinella

Periodo di sporificazione: VII-IX

Habitat: zone umide e ombrose


Descrizione: pianta perenne, alta fino a 40 cm, provvista di rizoma strisciante nerastro; fronde con lamina a contorno ovato, bi-tripennate, pinnule di colore verde tenue, romboidali, cuneate o flabellate, su peduncoli capillari flessuosi nerastri; picciolo fogliare nero e lucido. Sulla superficie inferiore delle foglioline, all’estremità dei lobi, si trovano i sori nei quali maturano le spore.

È possibile ottenere nuove piantine dalle spore seminandole in ambiente caldo-umido, ma è preferibile moltiplicare il Capelvenere per divisione dei rizomi.


Adiantum capillus-veneris, Capelvenere, Erba chi no infundet, Filigheddu, Frazia, Pampinella








Adiantum capillus-veneris, Capelvenere, Erba chi no infundet, Filigheddu, Frazia, Pampinella

sopra ed a lato: Adiantum capillus-veneris



sotto: la pagina inferiore delle foglioline con i sori

Adiantum capillus-veneris, Capelvenere, Erba chi no infundet, Filigheddu, Frazia, Pampinella

INDIETRO