ARBUSTI: Lamiaceae
Prasium majus L.
Divisione: Angiospermae

Famiglia: Lamiaceae

Nomi italiani: Camedrio bianco, Tè siciliano

Nomi sardi: Èiva crapa, Erba craba, Intretza, Intreztu, Menta de conillus, Pani de conillus

Periodo di fioritura: IV-VI

Habitat: macchie basse, rupi litoranee


Descrizione: pianta suffruticosa semirampicante alta 30-100 cm con fusti prossimali legnosi con corteccia grigio-giallastra fessurata longitudinalmente; rami distali erbacei a sezione quadrangolare, normalmente glabri, arrossati o soffusi di violetto; foglie opposte ovato-lanceolate a margine seghettato, picciolate, lucide e un po’ coriacee, di colore verde scuro, caduche; verticillastri composti da 2 fiori ravvicinati con brattee lanceolato-acuminate; corolla bianca o più o meno violacea lunga circa 2 cm con labbro superiore bifido all’apice, quello inferiore trilobo, a lobo centrale ampio; stami e stilo sporgenti; il frutto è composto da 2 mericarpi neri simili a piccole drupe.

Pianta a portamento arbustivo-lianoso presente in ambiente di macchia mediterranea litoranea ma anche nelle zone più interne, vegeta, indifferente al substrato, fino a 600 m di altitudine.






a lato: il frutto
Prasium majus, Camedrio bianco, Tè siciliano, Eiva crapa, Erba craba, Intretza, Intreztu, Menta de conillus, Pani de conillus

Prasium majus



Prasium majus, Camedrio bianco, Tè siciliano, Eiva crapa, Erba craba, Intretza, Intreztu, Menta de conillus, Pani de conillus

INDIETRO