ARBUSTI: Cistaceae
Cistus salviifolius L.
Divisione: Angiospermae

Famiglia: Cistaceae

Nomi italiani: Brèntina, Brèntine Cisto femmina, Scornabecco

Nomi sardi: Macchiastreddu, Montrekedda, Murdegu burdu, Murdegu de porcus, Mùrdju nieddu

Periodo di fioritura: IV-V

Habitat: leccete, macchie, garighe


Descrizione: arbusto sempreverde alto 30-80 cm con abbondante villosità per la presenza di peli bianchi, non vischioso e molto ramoso; foglie opposte brevemente picciolate ovate o ellittiche, pagina superiore rugosa di colore verde-grigiastro, quella inferiore più chiara e ricoperta di densa peluria; fiori di 4-6 cm di diametro con petali bianchi e numerosi stami gialli, solitari o raggruppati a 2-4 in cime peduncolate; frutto capsula loculicida.

Cistacea molto comune in Sardegna a portamento cespuglioso con grandi fiori bianchi e foglie che ricordano quelle della Salvia. È una pianta eliofila che in genere non forma associazioni pure ma si ritrova quasi sempre insieme ad altre specie della macchia mediterranea nelle garighe o all’interno dei boschi aprichi (prevalentemente leccete). Vegeta, indifferente al substrato, dal livello del mare fino a 1000 m di altitudine.





a lato: foglie e capsule mature
Cistus salviifolius, Brentina, Cisto femmina, Scornabecco, Macchiastreddu, Montrekedda, Murdegu burdu, Murdegu de porcus, Murdju nieddu

Cistus salviifolius



Cistus salviifolius, Brentina, Cisto femmina, Scornabecco, Macchiastreddu, Montrekedda, Murdegu burdu, Murdegu de porcus, Murdju nieddu

INDIETRO