ARBUSTI: Cistaceae
Cistus monspeliensis L. 
Divisione: Angiospermae

Famiglia: Cistaceae

Nomi italiani: Cisto di Montpellier, Cisto marino, Brèntine

Nomi sardi: Mudrecu, Mudrecu cabaddinu, Murdegu còinu, Murdegu biancu

Periodo di fioritura: III-VI

Habitat: macchie, garighe


Descrizione: arbusto sempreverde alto 30-120 cm, con fusti eretti e ramosi; foglie sessili e opposte a lamina lineare-lanceolata, lunghe fino a 5 cm, rugose e vischiose, di colore verde scuro; fiori di 2-3 cm di diametro con petali bianchi e numerosi stami gialli; il frutto è una capsula ovoidale.

Arbusto diffusissimo in Sardegna che vegeta fino a 1000 m di altitudine, su terreni aridi e sterili in formazioni pure (cisteti) o insieme ad altre specie della macchia mediterranea; è una delle prime piante che colonizza le aree percorse dal fuoco.
Molti sono i funghi che crescono nei cisteti, uno di questi è il Leccinellum corsicum (Boleto del cisto), noto in Sardegna con il nome “Tunniu ’e mudrecu, Cardolinu de murdegu”, molto apprezzato specialmente nel meridione dell’isola, commercializzato nei mercati e dai raccoglitori locali.





Cistus monspeliensis, Cisto di Montpellier, Cisto marino, Mudrecu, Mudrecu cabaddinu, Murdegu coinu, Murdegu biancu
Cistus monspeliensis, Cisto di Montpellier, Cisto marino, Mudrecu, Mudrecu cabaddinu, Murdegu coinu, Murdegu biancu

Cistus monspeliensis












a lato: dettaglio dei fiori

INDIETRO