ARBUSTI: Chenopodiaceae
Atriplex halimus L. 
Sinonimi: Atriplex glauca Ten. non L.

Divisione: Angiospermae

Famiglia: Chenopodiaceae

Nomi italiani: Àlimo, Atrìplice, Malocchio

Nomi sardi: Elma, Èlima, Èlimu, Àlimu, Selebra

Periodo di fioritura: VII-X

Habitat: incolti sabbiosi, litorali rocciosi, siepi


Descrizione: pianta arbustiva perenne alta generalmente 1-2 m (in condizioni favorevoli può raggiungere anche 3 m di altezza), con fusti sottili molto ramificati a corteccia grigio-giallastra striata longitudinalmente, rami giovani pubescenti; foglie brevemente picciolate lunghe da 2 a 5 cm e larghe circa la metà, bianco-argentee e pruinose, carnosette e un po’ coriacee, da ovate a rombiche o talvolta astate, le superiori ovato-lanceolate, a margine intero o raramente dentato-angolose alla base; infiorescenze terminali lunghe 5-20 cm con scarse brattee; fiori unisessuali poco appariscenti, riuniti in piccoli glomeruli distanziati di aspetto farinoso, i maschili con 5 tepali ovali giallo-rosati e 5 stami con antere giallastre, quelli femminili disposti alla base dei glomeruli, con l’ovario a 2 stimmi racchiuso tra 2 bratteole ovali, suborbicolari o reniformi, le quali si ingrossano nel periodo della fruttificazione costituendo l’esocarpo del frutto (diclesio).

L'Àlimo vegeta prevalentemente in ambiente litoraneo, è un arbusto poco esigente molto spesso impiegato per formare siepi o come frangivento; i giovani getti di questa pianta, previa sbollentatura in acqua acidula, si conservano sott’olio o sotto aceto e si usano come condimento per diverse pietanze.



a lato: i fiori



Atriplex halimus, Alimo, Atriplice, Elma, Elima, Elimu, Alimu, Selebra

Atriplex halimus



Atriplex halimus, Alimo, Atriplice, Elma, Elima, Elimu, Alimu, Selebra

INDIETRO