ALBERI: Fabaceae
Robinia pseudoacacia L.
Divisione: Angiospermae

Famiglia: Fabaceae

Nomi italiani: Falsa acacia, Gaggìa, Robinia

Nomi sardi: Acàssia, Accàciu aresti, Carruba aresta, Gaggìa, Garzìa

Periodo di fioritura: V-VI

Habitat: scarpate, luoghi incolti, siepi


Descrizione: albero caducifoglio alto fino a 25 m con chioma ampia e leggera; tronco eretto, spesso biforcuto o molto ramificato; corteccia grigio-brunastra, dapprima compatta poi variamente fessurata; foglie imparipennate, lunghe fino a 30 cm, composte da 13-15 segmenti ellittici di colore verde chiaro, stipole trasformate in spine robuste; fiori in racemi ascellari penduli, corolla bianca lunga 15-20 mm e vessillo giallo alla base; i frutti sono legumi appiattiti lunghi fino a 10 cm, glabri e brunastri.

Pianta originaria dell’America nord-orientale importata in Europa nel 1601 per scopi ornamentali da J. Robin (1550-1629), erborista, farmacista e curatore dell’Orto Botanico del Re di Francia.
La pianta, attualmente diffusa e spontaneizzata in tutta l’area submediterranea su qualunque tipo di terreno, è largamente utilizzata nel consolidamento di scarpate, alberature stradali e come ornamentale in parchi e giardini.
La Robinia è anche una pianta mellifera frequentata dalle api, le quali producono un miele di qualità.



Robinia pseudoacacia, Falsa acacia, Gaggia, Robinia, Acassia, Accaciu aresti, Carruba aresta, Gaggia, Garzia







Robinia pseudoacacia, Falsa acacia, Gaggia, Robinia, Acassia, Accaciu aresti, Carruba aresta, Gaggia, Garzia

sopra ed a lato: i fiori in racemi di Robinia pseudoacacia

INDIETRO