ALBERI: Pinaceae
Pinus halepensis Mill.
   
subsp. halepensis 
Divisione: Gymnospermae

Famiglia: Pinaceae

Nomi italiani: Pino d’Aleppo

Nomi sardi: Cumpìngiu burdu, Oppinu, Oppinu burdu

Periodo di fioritura: III-V

Habitat: zone costiere e collinari


Descrizione: albero sempreverde alto fino a 20 m con chioma rada e irregolare di colore verde chiaro; tronco sovente contorto, ramoso fin dal basso; corteccia dapprima liscia, grigio-chiara, in seguito con scaglie poco profonde per fessurazioni longitudinali, brunastra nelle fessure; aghi sottili, lunghi 8-12 cm (raramente fino a 15 cm), riuniti in fascetti di 2; fiori unisessuali sulla stessa pianta, i maschili in grappoli apicali di colore giallo oro, quelli femminili verdastri sfumati di violaceo; coni conico-ovoidali lunghi 6-12 cm, solitari o riuniti a gruppi di 2-3.

Il Pino d’Aleppo è una pianta largamente utilizzata nei rimboschimenti forestali, presenta una chioma molto irregolare di colore verde chiaro, i coni, detti pigne o anche stròbili, sono attaccati ai rami per mezzo di un breve picciolo generalmente ricurvo; in Sardegna è presente allo stato spontaneo nell’Isola di S. Pietro e ritenuto tale anche a Porto Pino nel basso Sulcis.


Pinus halepensis, Pino d'Aleppo, Cumpingiu burdu, Oppinu, Oppinu burdu
Pinus halepensis, Pino d'Aleppo, Cumpingiu burdu, Oppinu, Oppinu burdu

la chioma rada di Pinus halepensis subsp. halepensis







a lato: coppia di coni ancora immaturi

INDIETRO