ALBERI: Fabaceae
Acacia saligna (Labill.) H.L. Wendl.
Sinonimi: Mimosa saligna Labill.; Acacia cyanophylla Lindley

Divisione: Angiospermae

Famiglia: Fabaceae

Nomi italiani: Acàcia saligna, Mimosa a foglie strette

Nomi sardi: Accàciu

Periodo di fioritura: IV-VI

Habitat: zone costiere


Descrizione: albero sempreverde alto 4-10 m con chioma globoso-espansa di colore verde glauco; tronco eretto con corteccia grigio-brunastra; foglie da lanceolate a lungamente lineari, lunghe 5-15 cm o talvolta oltre e larghe 1-3 cm, provviste di una nervatura mediana; infiorescenze costituite da fiori gialli leggermente profumati disposti in capolini globosi di circa 1 cm di diametro; i frutti sono legumi brunastri con evidenti strozzature tra i semi.

Pianta originaria dell'Australia introdotta e diffusa nel Sud Italia impiegata per lo più come frangivento nelle zone costiere. È facilmente riconoscibile per le foglie molto lunghe (talvolta fino a 25 cm) con una sola nervatura mediana longitudinale e per i capolini che di norma non superano 1 cm di diametro.
In Sardegna è ben acclimatata e diffusa soprattutto nelle zone litoranee, dove svolge un'importante funzione stabilizzatrice delle dune.








Acacia saligna, Accaciu
Acacia saligna, Accaciu

Acacia saligna
















a lato: le infiorescenze



 
INDIETRO